ti trovi in:  Home > Archeology > Archeology of the Medieval Society > Reviews and archeological gazetin > La ceramica medievale

REVIEWS AND ARCHEOLOGICAL GAZETIN

"C'era una Volta". La ceramica medievale nel convento del Carmine (Siena, Santa Maria della Scala, Sale San Leopoldo e San Giuseppe, 25 giugno - 15 settembre 2002)

Il convento del Carmine, posto nel tratto finale di Pian dei Mantellini, fra Porta San Marco e Porta Laterina, Ŕ stato oggetto di un intervento di ristrutturazione agli inizi del 2001.

In uno dei locali del primo piano, la rimozione parziale del pavimento ha permesso al direttore dei lavori Arch. Tarcisio Bratto di recuperare una ventina di forme ceramiche databili alla prima metÓ del Trecento che facevano parte del riempimento di una volta.

In accordo con la Soprintendenza Archeologica e con la Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici della Toscana, l'Area di Archeologia Medievale dell'UniversitÓ di Siena ha realizzato un recupero d'emergenza sulla metÓ orientale della volta, provvedendo allo scavo e alla documentazione digitale.

Il riempimento della volta era costituito da reperti in buono stato di conservazione; sono stati rinvenuti oltre 360 esemplari interi su un totale di 868 forme ceramiche, resti archeobotanici e materiali di vario genere (tubi fittili, carta, cuoio, ciotole in legno, ossa animali).

La porzione di volta coperta dalla pavimentazione moderna lascia ipotizzare la presenza ancora sul posto di 2000-2500 pezzi di ceramica, oltre ad altri materiali organici, fra i quali certamente resti botanici e faunistici che permetterebbero di ricostruire uno spaccato approfondito dell'ambiente e della vita in un quartiere senese del Trecento.

Il sito web della mostra, ricco di materiale documentario, Ŕ http://www.paesaggimedievali.it/volta/index.html.

 Marco Valenti

Top of pageAbout usEdizioni SpoliaJoin the Spolia teamRassegna stampaPartnerIn Italiano